Scorte italiane

Non so se capita a tutti gli emigrati, sicuramente succede a noi in modo piu’ o meno regolare ogni volta che si torna in Italia: la nostalgia da cibi autoctoni e’ tanta da far riempire carrelli interi nei supermercati della zona, qualunque essa sia, purche’ su territorio italiano.
Anche questo fine settimana non siamo sfuggiti all’abitudine. Un’analisi dettagliata degli acquisti:

  • Focaccine
  • Grana padano
  • pomodorini maturi
  • vini vari (pigato, vermentino di sardegna, un paio di siciliani, niente piemontesi che li compro dallo zio)
  • formaggi di ogni sorta (gorgonzola, panerone, crescenza, robiola, scamoza, provola)
  • pasta De Cecco, Voiello e Agnesi in formati fantasiosi
  • porcini secchi
  • capperi di Pantelleria sotto sale

e molto altro ancora sul fronte mangereccio. Fino a qui nulla di strano: sono prodotti tipici che a Ginevra e dintorni o non si trovano o costano, come si dice da queste parti “la peau des fesses”.
Una nota di vergogna a parlare del resto del carrello: deodoranti “Borotalco”, shampoo e assorbenti. E non sono la prima ad avere “nostalgia” dei prodotti italiani per l’igiene, perche’ so che tante amiche fanno lo stesso!

P.S. I prodotti che compero in Italia sono della Lines; gli unici che “posso” usare in Francia e Svizzera (ma che non sono all’altezza), si chiamano “Always” o “Alldays”.
Scopro che gli ultimi due sono prodotti P&G, e che Lines e’ stata in parte comperata da P&G nel 1992. Dico, ma da allora ad oggi, a nessuno e’ venuto in mente di applicare la stessa “tecnologia” anche agli altri prodotti, visto che i Lines sono decisamente i migliori?

2 risposte a Scorte italiane

  1. alessia scrive:

    io ho una predilezione per i deodoranti no-gas. Ma è possibile che in Francia non esistano ? ad oggi ho trovato solo vichy e solo in parafarmacia. per il resto ” paese che vai prodotti che trovi” mi abituo a mi adeguo. Ho deciso che non mi sfondo piu’ a portare delle maxi valigie. unica eccezione : il solito pezzo di parmigiano.

  2. Auramaga scrive:

    Per quel che riguarda la roba da mangiare, concordo in pieno!!!
    Quando entro nei supermercati italiani mi sento a casa: carrelli strabordanti, voglio riassaggiare tutto.
    E rientro a Parigi con tutto quello che posso infilare in valigia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: